Nel maggio 1997, un gruppo di persone sensibili ai problemi sociali, convinte di poter dare un proprio contributo per migliorare i servizi sul territorio rivolti agli anziani, alle persone diversamente abili, e più in generale a tutti coloro che hanno bisogno di un aiuto concreto per risolvere un disagio o una necessità, si sono riunite e hanno deciso di costituire l'Associazione AUSER AURORA NESE, con la registrazione sull'elenco regionale delle Associazioni di Volontariato.

La prima decisione operativa è stata di chiedere uno spazio alla Cooperativa "Pietro Paleocapa" e allo SPI-CGIL, per allestire una sede, quella attuale di via S. Giovanni Bosco 1/b, arredandola con una scrivania, un tavolo e quattro sedie. Il servizio di trasporto delle persone si è avviato subito con grande entusiasmo, utilizzando un'auto Volkswagen 1600, ricevuta in regalo dalla società LEASING dei fratelli Corna, con persone inserite nella Casa di Riposo "M. Zanchi", e con qualche anziano di Nese che doveva recarsi presso sedi ospedaliere fuori zona. Ma c'era molta preoccupazione per l'attività futura perché i servizi erano pochi e discontinui, tanto da smorzare di molto l'entusiasmo iniziale e prefigurare un fallimento dell'iniziativa.

La situazione è cambiata quando è iniziata, con un accordo tra le parti, la collaborazione continuativa con la Casa di Riposo, "M. Zanchi", per l'esecuzione di piccoli lavori di manutenzione interni al fabbricato e nel giardino esterno. Uno dei primi lavori realizzati è stata la recinzione del terreno e l'installazione del cancello a fianco della nuova struttura residenziale, per evitare l'ingresso nelle ore notturne di male intenzionati.
In seguito, richiesta di trasporto è aumentata e si è sempre più specializzata, soprattutto in occasione di trasporto di non autosufficienti, per cui si è fatta sempre più pressante necessità di disporre di una vettura con sollevatore per le carrozzelle. Si è lanciato così un S.O.S. alla popolazione alzanese e all'Amministrazione Comunale per avere adeguati contributi economici.
Dopo circa un anno si è raggiunto un accordo con l'Amministrazione Comunale e con il Gruppo Alpini di Alzano Lombardo, per l'acquisto di un pulmino a nove posti attrezzato con sollevatore idraulico, che ha consentito di allargare ancor più l'efficienza e la quantità di trasporti in particolare per gli ospiti della Casa di Riposo.


Dal 2001 si e poi avviato il servizio di consegna pasti a domicilio con soddisfazione di tutte le parti in causa.
Non sono mancate in tutti questi anni significative proposte sul piano dell'aggregazione sociale e culturale, in particolare con l'organizzazione di gite di grande interesse, anche in collaborazione con altre Associazioni, in particolare l'ANPI di Alzano Lombardo, con le visite ai campi di concentramento di Dachau, Mauthausen, la Risiera di S. Sabba e il sacrario della Fosse Ardeatine a Roma.
Nel corso del 2006, in collaborazione con il Comitato di Frazione "Per Nese", si è aperto presso la sede e per tutta popolazione, lo sportello per i controlli medici. Un servizio che ha raccolto consensi tra la popolazione alzanese, che sarà ampliato nei prossimi mesi con la dotazione degli strumenti di controllo dell'udito e della vista, utilizzando i fondi raccolti nella vendita dei calendari 2007 realizzati dai responsabili del Comitato di Frazione "Per Nese".