La prova crea nuove amicizie

Tanto tempo fa in un mondo lontano c’era un lupo, una rana e un falco,  i quali inizialmente non si conoscevano e non si erano mai visti,  ma poi diventarono  grandi amici.

Il falco viveva in montagna , in un paesino incantato dove vivevano solo animali.
Esso era figlio unico e orfano di entrambi i genitori, morti per proteggere il loro cucciolo da un mostro terribile e cattivo di cui nessuno sapeva  nome. Tutti   lo chiamavano : L’Orrido!

Il falco, di nome Spike,  era sempre in cerca di luoghi da esplorare, ma ogni tanto, quando non aveva niente da fare,   rifletteva e sentiva un vuoto dentro di sé,  come se gli mancasse  qualcosa… un compagno!
In un altro luogo molto bello e accogliente viveva un lupacchiotto di nome Buck ; un bellissimo lupo con il pelo color oro con delle sfumature bianche.
Aveva un fisico perfetto , era veloce, coraggioso ed era sempre in mezzo ai  guai.
Buck aveva una vita piena di avventure, ma nonostante questo  mancava qualcosa anche a lui, come a Spike: gli mancava un amico.

In uno stagno, ai piedi di una possente montagna, abitava una rana  di nome Ginger.
Era una bellissima ranocchia, spensierata ma attenta,  vigile  e molto intelligente.  
Per questo veniva esclusa dai suoi amici, meno intelligenti di lei.
Anche i suoi genitori non la volevano perché era troppo  diversa dai suoi fratelli girini.
Ogni giorno sperava di trovare un amico  che  la potesse accettare per quello che era e non per quello che non era; ma credeva fosse impossibile.

Nel regno della Terra si fece una festa dove tutti gli animali del loro universo  potevano partecipare; una gara a gruppi, i quali avrebbero dovuto affrontare  varie sfide; i vincitori  avrebbero ottenuto dal re Sky un feudo, dove potere  far  ciò  che volevano.
La notizia si sparse  per tutti i regni anche nei posti più  remoti.  I tre appena sentirono la notizia e  si avviarono verso il regno della Terra .
Arrivati a destinazione,  si ritrovarono in mezzo ad una moltitudine di  anumali. Ad un certo punto il re  Sky chiamò all’ appello tutti i partecipanti  e iniziò ha fare le squadre.
Dopo mezz’ ora il re disse: “ Il prossimo gruppo è formato da Buck , Spike e Ginger.”
I tre si guardarono negli occhi, capirono che il loro gruppo non avrebbe potuto mai vincere; ovviamente tutti  si misero a ridere, perché erano tre animali completamente diversi l’uno dall’ altro!
Ogni squadra aveva una propria tenda nella quale dormire, mangiare, ridere, discutere, lavarsi ecc.

Si ritrovarono tutti e tre nella tenda.
Il primo ad attaccare bottone fu  Buck , il più socievole,  poi molto silenziosamente Spike rispose e così anche la rana.
Iniziarono a discutere della loro vita e della loro famiglia e soprattutto della gare.
Dopo ore e ore di discussione i tre iniziarono a socializzare.
Si misero a mangiare  e poi si buttarono nei letti come se avessero fatto chissà cosa.
Il giorno dopo si svegliarono pieni di energia e subito si recarono dal re a chiedere quale fosse la loro prova  ( nel gruppo c’era chi era molto entusiasta,  come Buck , e chi di meno,  come Spike).
Il re gli spiegò  per filo e per segno  cosa dovessero  fare e loro lo fecero; quel giorno persero  la gara, ma erano felici di averci provato, anche se Spike era ancora  dubbioso.
Di giorno in giorni andarono  avanti e  iniziarono a conoscersi meglio, non tutti i giorni le gare furono vittoriose,  ma si accontentarono.
Arrivò il giorno decisivo, l’ ultima gara prima della classifica finale. Erano tutti in ansia.
Anche le altre squadre erano così: c’era chi  litigava, si picchiava, ma loro erano i più calmi.

L’ultima gara consisteva nel fare un  lavoro di squadra.
Erano tutti svantaggiati perché i componenti delle altre squadre erano uguali,  con lo stesso carattere , le stesse abitudini ecc.
Mentre loro avevano  abitudini, carattere e  opinioni diverse.
I tre in realtà si completarono perfettamente, perché uno era pauroso ma veniva aiutato da quello forte; quello forte ma un po’ stupido, veniva aiutato da quello intelligente e quello intelligente, quando veniva escluso,  veniva aiutato da quello debole che aveva preso coraggio e la forza  da quello forte e così via, era un cerchio: ognuno  aiutava l’ altro.
I tre vinsero la gara e furono molto felici, ma  soprattutto orgogliosi.
Buck, Spike e Ginger costruirono un paese dove ospitavano chiunque volesse viverci, nessuno escluso.

Questa storia vuol far capire che non importa di che religione sei, di che colore è la tua pelle, quale sia la tua cultura, il tuo carattere, la tua opinione, perché ognuno si completa a vicenda e quel che conta è stare uniti!