Aspide

L’aspide (Vipera aspis), più comunemente chiamata semplicemente vipera, è un rettile che fa parte della famiglia delle Viperidae. È un serpente che in media misura tra i 60 e i 65 cm di lunghezza (in casi eccezionali supera i 90 cm) e che può vivere fino a 20 anni. Un suo particolare tratto distintivo è la testa triangolare, che spicca molto bene dal corpo tozzo e corto. Di colore generalmente marroncino, possiede sul dorso delle strisce e delle macchie nere che la aiutano a mimetizzarsi sul suolo. La vipera solitamente vive in zone fresche e, ovviamente, soleggiate, prediligendo le zone rocciose. Infatti, essendo un animale a sangue freddo, può muoversi solo quando la temperatura al suolo supera i 25°C, cosa che normalmente succede di giorno durante i mesi più caldi dell’anno. Durante l’inverno la vipera va in letargo e ad alte quote il letargo può durare anche metà anno. Si nutre di piccoli animali, come topi, lucertole e uccellini, aiutandosi nella caccia con il veleno che inietta tramite gli appositi denti, dal momento che è parecchio goffa nei movimenti. Questo veleno è letale per gli animali più piccoli, ma non sempre lo è per l’uomo: la quantità massima che può venire iniettata con il morso è inferiore alla metà della dose necessaria ad uccidere un uomo adulto. Solo in casi limite (bambini, anziani, persone con gravi problemi di salute o allergici al veleno) il morso di vipera può portare alla morte.
L’estremizzazione di questi avvenimenti e la cultura popolare hanno portato la vipera ad essere malvista, cacciata e uccisa, ma in realtà si tratta di un animale per nulla aggressivo e in realtà timido, che preferisce sempre la fuga al combattimento. Può mordere solo se calpestata accidentalmente o se attaccata e messa alle strette, per questo si consiglia di guardare sempre bene dove si mettono i piedi e nel caso ne venga avvistata una, di non infastidirla e superarla senza avvicinarsi troppo.